I Vangeli ci parlano della vedova di Sarepta e di Naaman il siriano, i parrocchiani di Saumur ci parlano di Charle.
Charle, fratello mio, crediamo che Dio ti abbia benedetto e ringraziamo un altro Charles.

Nel 2005, la Chiesa proclamò che Charles de Foucauld era beato riconoscendo che Dio aveva benedetto una famiglia cristiana (Giovanni, Giovanna e le loro due figlie). Oggi la Chiesa si appresta a proclamare che Charles de Foucauld è un santo riconoscendo che Dio ha benedetto un uomo che appartiene alla famiglia umana. Grazie, Signore! Grazie Charles!
Il nostro Papa Francesco deve essere felice e noi siamo felici con lui.

Charle, fratello mio, ci viene detto che sei un falegname e che avevi 21 anni nel 2016. Non vogliamo provare a saperne di più; vogliamo rispettare la tua privacy, altrimenti i giornalisti di tutto il mondo verranno a disturbarti.
Il 30 novembre 2016, stavi lavorando con i tuoi compagni sul restauro di un’intelaiatura. Ciò avvenne a Saumur, nella cappella dell'Istituto Saint-Louis. Ti immaginiamo sotto il tetto, al centro dell’intelaiatura, sopra la volta della cappella. Ma ecco che un pezzo di volta cede sotto il tuo peso e cadi su una panca di legno che esplode per l’impatto (gli specialisti diranno che una caduta da 15,50m è fatale). Inoltre, un pezzo di panca (scopriremo che è il bracciolo) è passato attraverso il tuo corpo alla base della gabbia toracica. Ma immediatamente ti alzi per chiedere aiuto perché ti portino in ospedale. Ti hanno operato bene ... e dopo una settimana sei già a casa ... e due mesi dopo sei tornato al lavoro in perfetta salute!

Come sempre, i commenti circoleranno in tutte le direzioni: "È stato molto fortunato!" ... "È stato San Luigi a proteggerlo perché lavorava nella sua cappella!" ... "Ma no, è San Giuseppe, il santo patrono dei falegnami! "...
Ma i parrocchiani di Saumur ci dicono che dietro a tutto ciò c’è Charles de Foucauld; e il 27 maggio 2020, papa Francesco accetta di attribuire questa benedizione di Dio all'intercessione del Beato Charles de Foucauld, in risposta a una serie di preghiere.

È un piccolo segno per ricordarci che Dio benedice tutti gli esseri umani: siamo invitati a riconoscerlo e Charles ci spinge nella stessa direzione. Con alcune citazioni dalle sue lettere possiamo scoprire come egli chiede a Dio di benedire tutti gli esseri umani:
A Marie de Bondy, da BéniAbbès:
"Dando la benedizione del Santissimo Sacramento ai poveri soldati che vengono a riceverlo, chiedo a GESÙ di estendere questa benedizione ben oltre la nostra piccola cappella" . ... "Ogni sera, il Santissimo Sacramento dà la Sua benedizione alla terra" .
Ad HadjEdris, un marocchino che ha protetto molto Charles durante la sua esplorazione:
"Che DIO ti conceda la salvezza e tutte le Sue benedizioni ... dal tuo amico molto devoto, da tuo fratello in DIO."
A Louis Mercier, un soldato berberizzante:
"Prego DIO dibenedirti, dibenedire coloro che ami e questo popolo marocchino in mezzo al quale ti ha condotto."
A padre Guérin, prefetto apostolico del Sahara:
"Possa GESÙ benedire la tua prefettura e tutti questi paesi musulmani!"
A un ufficiale provato dalla guerra:
"Ringrazio DIO per mantenerti in salute e proteggerti da così tanti pericoli! Prego Lui perché ti conservi fino alla fine e ti benedicain ogni forma."

Ma torniamo a Saumur, alla Parrocchia del Beato Charles de Foucauld.
Senza nemmeno conoscere l'identità della persona lesa o il suo vero stato di salute, i parrocchiani si mettono a pregare per chiedere al Beato Charles de Foucauld di salvare il giovane carpentiere.
Il giorno successivo, 1 dicembre 2016, è il centenario della morte di Charles de Foucauld e la festa della parrocchia viene celebrata nel luogo stesso dell'incidente.
In questa parrocchia sotto la guida del loro parroco, i fedeli pregano quotidianamente per chiedere la canonizzazione del Beato Charles de Foucauld.
E durante tutto l'anno 2016, molte preghiere sono state indirizzate al Beato. Molti gruppi di preghiera, appartenenti alla "Famiglia Spirituale Charles de Foucauld", hanno pregato per domandare la sua canonizzazione.

Colpito da una sorprendente convergenza di fatti, padre Ardura, postulatore della causa, è venuto a interrogare i testimoni e ha seguito da vicino la procedura canonica (diocesana e romana). Possiamo notare le ultime date delle diverse tappe:
Il 14 dicembre 2019, i 7 medici convocati a Roma per studiare la cartella clinica hanno concluso all'unanimità in questi termini: le poche lesioni causate da una caduta libera di 15,50m, non sono scientificamente spiegabili. Abituati ad analizzare delle guarigioni, i medici hanno voluto chiarire dicendo che Charleè stato salvato da un pericolo. Il 18 febbraio 2020, 7 teologi si sono riuniti per rispondere alla domanda: "Si tratta di un miracolo?" Dopo aver studiato l'intero fascicolo e preso atto di tutti gli elementi che costituiscono il quadro preciso in cui sono avvenuti i fatti, hanno concluso all'unanimità che si tratta di un miracolo operato da Dio, per intercessione del Beato Charles de Foucauld, in risposta a una serie di preghiere.
Il 5 maggio 2020, i cardinali e i vescovi, membri della Congregazione per le cause dei santi, hanno concluso che il giovane Charle fu miracolosamente salvato per intercessione del Beato Charles de Foucauld.
Il 27 maggio 2020, Papa Francesco ha autorizzato la pubblicazione del decreto che riconosce questo miracolo attribuito all'intercessione del Beato Charles de Foucauld. La data della canonizzazione verrà fissata in seguito.

Sappiamo che Charles visse a Saumur per un anno, alla scuola di Cavalleria. Ma siamo spesso sorpresi di apprendere che nel 1879 Charles era iscritto alla Conferenza di San Vincenzo de Paoli, la cui azione è diretta verso tutti i bisognosi. La fede di Charles era allora oscurata dal dubbio, ma il suo cuore è rimasto attento ai bisogni degli altri. Nel 2016, un giovane falegname era nel bisogno e il nostro Beato ha mosso il Cielo.
Grazie, Signore! Grazie Charles!
E Dio ti benedica, Charle, fratello mio!

FaLang translation system by Faboba